Diffondere la resistenza cannabica attraverso l’autoproduzione!

Senza semina non c’è raccolto, per questo anche quest’anno al Centro Sociale Autogestito Terra di Nessuno celebreremo questo momento, allo scopo di diffondere la pratica dell’autoproduzione di Cannabis come opposizione a mafie e monopoli, che vogliono mantenere l’esclusiva dello sfruttamento di questa risorsa.
La politica non fa nulla si limita a mantenere lo stato delle cose disincentivando uno sviluppo virtuoso di questo settore. Dissimula, inganna e compie azioni false come proposte di legge campate per aria e l’iniziativa cannabis di stato: assolutamente inefficaci e inconcludenti. Di fatto depotenziano le azioni dal basso escludendo ai cittadini di contribuire realmente a creare un alternativa reale e sostenibile al proibizionismo. Lasciando intoccato il feroce impianto repressivo vigente producendo abusi di potere e di sostanze, ignoranza e indebolimento degli strati più esposti come studenti e fasce sociali deboli; combinandosi e aggravando ulteriormente la già complessa situazione legata ai grandi flussi migratori oltre a quella di chi fa uso di cannabis a scopo terapeutico.
E’ il momento di superare questo oscurantismo che fa solo gli interessi di pochi e tornare ai tempi in cui la canapa era una risorsa forte per l’economia del nostro paese. La legge vigente consente a tutti di coltivare cannabis certificata a bassissimo contenuto di thc per svariati scopi: dall’agricolo al vivaistico o a scopo di ricerca. Questo consente a chiunque, seguendo semplici criteri di legge, di autoprodurre canapa sia a livello di coltivazione su larga scala o in ambito domestico.
Crediamo sia necessario spostare l’interesse privato sullo sfruttamento di questa pianta rendendola patrimonio collettivo.
Creare un meccanismo virtuoso che sconfigga le mafie e lo sfruttamento legato al narcotraffico; che affronti gli episodi di abuso e degrado conseguenza di politiche repressive che escludono prevenzione conoscenza ed educazione. Per questo intendiamo creare un nuovo paradigma sostenibile, che riconosca e non punisca l’utilizzo di sostanze e lo aiuti a svilupparsi equilibratamente attraverso pratiche di riduzione del danno, informazione, educazione responsabile ed autoproduzione. Per un rilancio sostenibile attraverso questa risorsa che per troppo tempo ci è stata sottratta.
Dopo che al Csoa Gabrio la polizia ha sequestrato tutte le piante che il centro storicamente autoproduce e condivide con pazienti e frequentatori è nata una campagna di sensibilizzazione che spinga sull’informazione e sull’autoproduzione, gridando che Quell’erba è anche mia! Che tutti dovremmo avere la possibilità di poter scegliere come reperire la sostanza, se comprarla in appositi negozi o coltivarla con tutta la passione, impegno e interesse. L’autoproduzione di cannabis non danneggia nessuno se non i mercati di mafie e stati, cosa stiamo aspettando a piantarla?
Vi aspettiamo per portare avanti questa questione politica che fa parte di tutti noi e che non esclude nessuno!
Informati, supporta e segui : InfoJoint Zena, Infoshock Xm24, lab57 e Fino alla fine del mondo proibizionista su facebook e sui loro blog. Attivati e unisciti alla lotta!
Ci teniamo ad aggiungere che in questo periodo lo storico spazio Xm24 alla bolognina è minacciato di sgombero. Questo spazio e le persone che lo vivono hanno contribuito alla lotta antiproibizionista dai suoi primi passi, e non solo a questa, attraversando e dando forza a tutti i movimenti resistenti cui sentiamo di appartenere. Per questo va difeso. Difendi Xm e tutti gli spazi resistenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...